Home Page
Presentazione
Privacy
Sicurezza sul Lavoro
Gestione aziendale
Segreteria
Domiciliazione
Gestione del personale
Contabilità
Servizi informatici
Consulenza aziendale
Gest. Antiriciclaggio
Professionisti
Modulistica
Privacy e Cookies
Contatti
Richiedi informazioni
Imposta pagina iniziale
Aggiungi ai preferiti
Newsletter
, domenica 26 febbraio 2017



Fax , E-mail e Sito Internet
sono sempre disponibili , agli indirizzi indicati a fondo pagina
*************************************************************

************************************************************






Ricordatevi di consultare periodicamente il vs indirizzo di Posta Elettronica Certificata  PEC



IN EVIDENZA 

                                         

Spesometro IVA 2017: abolizione Intrastat (solo acquisti) e black list

2017 ricco di novità in materia di adempimenti IVA: otto nuove comunicazioni spesometri trimestrali.

Il Decreto Legge 193/2016 ha totalmente riformato gli adempimenti IVA a partire dal 2017. Vengono introdotte le comunicazioni trimestrali IVA di fatture e liquidazioni ma, contestualmente, viene approvata l’abolizione di spesometro annuale (l’ultimo verrà inviato ad aprile per il periodo d’imposta 2016), Intrastat e Black List.

L’obiettivo del legislatore fiscale è quello di combattere l’evasione fiscale. Tuttavia, ci permettiamo di dubitare del mezzo. In che senso? Questa riforma ha introdotto molti adempimenti (praticamente otto invii telematici), pur sopprimendone altri ovvero black list e Intrastat. A nostro modesto avviso ciò non potrà ridurre l’evasione fiscale in quanto chi vuole evadere non ha nulla da comunicare normalmente anzi...

Indubbiamente l’abolizione degli adempimenti relativi a spesometro annuale, Intrastat e Black List rappresentano un importante agevolazione per contribuenti e professionisti fiscali, ormai sempre più vessati da un Fisco illogico.

Abolizione Spesometro annuale dal 2017

A partire dal periodo d’imposta 2017 - quindi dal 2018 - non vi sarà più l’obbligo di inviare lo spesometro annuale con scadenza nel mese di aprile.
In realtà questa più che un’agevolazione appare una conseguenze logica dell’introduzione delle comunicazioni iva trimestrali di fatture e liquidazioni.

Solo per il 2017 è previsto che la comunicazione IVA dei dati delle fatture sia semestrale, con prima scadenza fissata per il 25 luglio del prossimo anno; le liquidazioni IVA, invece, dovranno essere inviate trimestralmente alle scadenze originariamente previste ovvero l’ultimo giorno del secondo mese successivo alla fine del trimestre.

Solo per il II trimestre la scadenza è prevista per il 15 settembre, in luogo del 31 agosto come previsto inizialmente.

Comunicazioni IVA e abolizione comunicazione Instrastat 2017 ma solo per le fatture passive

L’introduzione delle comunicazioni iva trimestrali 2017 (fatture e liquidazioni) comporta anche l’abolizione delle comunicazioni intrastat delle fatture di acquisto (cd. modello Intra 2).
Attenzione: rimane comunque l’obbligo di comunicazione Intrastat delle cessioni intracomunitarie di beni e servizi (cosiddetto modello Intra 1).

Comunicazione IVA e abolizione comunicazione black list dal 2017

Il decreto legge 193/2016 comporterà anche l’abolizione delle comunicazioni black list a partire dal 2016.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

730 precompilato chiede il consenso sulle spese sanitarie.

Infermieri, radiologi, psicologi, ostetriche, parafarmacie ed ottici, queste le nuove categorie che dovranno trasmettere entro il 31 gennaio 2017 i dati sanitari di tutto il 2016. A partire dal 14 novembre però, i contribuenti che si rapportano con questi soggetti, possono esercitare la loro opposizione affinchè i dati sulle spese non vengano comunicati all'Agenzia delle Entrate. Il "NO" può essere annotato subito sulla ricevuta evitando di comunicarlo poi al Sistema tessera nazionale o alla stessa Agenzia.


OGGETTO : CIRCOLARE INFORMATIVA SCADENZE FISCALI 2016

 

            Come tutti gli anni Vi informiamo sulla documentazione che dovrete fornire per lo svolgimento delle dichiarazioni fiscali Mod 730/2016 o Modello Unico2016.

 

            Relativamente alla CU2016  Certificazione Unica dei redditi di lavoro dipendente e/o assimilato conseguiti nell’anno 2015  Vi ricordiamo che :

 

1)      L’ INPS non invia piu’  la certificazione cartacea ma e’ compito del contribuente provvedere con le seguenti modalita’:

a)      Scaricandolo dal sito INPS utilizzando il PIN pervenutoVi a suo tempo;

b)      Conferire incarico ad un Intermediario (in questo caso noi) per ottenerlo attraverso i canali telematici.

2)      I sostituti d’imposta Imprese private devono gia’ averVi fornito la certificazione cartacea

      entro il termine del 29 febbraio u.s.

3)      Altri Enti ( Enasarco /Enpam ecc ) non inviano piu’ il cartaceo ma anch’essi hanno

 stabilito modalita’ telematiche per l’ottenimento cui Vi invitiamo di attenerVi.

 

          ===============================================

Cio’ premesso, per consentirci di poter iniziare il ns. lavoro anche in assenza di Certificazione Unica Vi nvitiamo a  Volerci  fornire comunque la documen-tazione che e’ gia’  in Vs. possesso

 

                        ==============================================

INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE

 

Ø      Eventuali variazioni anagrafiche intervenute nel corso del 2015

Ø      Variazioni alla composizione del nucleo familiare.Familiari  per aggiornare la posizione di coloro che sono piu’ a carico.

Ø      Eventuali modifiche riguardanti il possesso degli immobili. Acquisti, vendite, locazioni, successioni , variazioni catastali. In questi casi fornirci anche la documentazione catastale relativa

Ø      Modelli F24 relativi ad imposte pagate nel periodo

 

DOCUMENTAZIONE ATTESTANTE REDDITI PERCEPITI

 

            Oltre a quanto gia’ detto relativamente ai CU ;

 

Ø      Canoni di locazione percepiti per gli immobili affittati con copia del contratto di locazione da cui risulti in modo leggibile gli estremi di registrazione

Ø      Eventuali altri redditi diversi che costituiscono oggetto di dichiarazione

 

DOCUMENTAZIONE ATTESTANTE  ONERI DEDUCIBILI  O DETRAIBILI

 

In caso di mod 730  i documenti dovranno essere prodotti  IN ORIGINALE e in copia

In caso di mod. UNICO dovranno essere prodotti solo in copia leggibile.

 

Ø      Documentazione attestante  le spese mediche sostenute per se e per i famigliari a carico (fatture, ricevute mediche intestate munite di marca da bollo da 2,00 se di importo > € 77,47)

Ø      Autocertificazione attestante acquisti di Specialita’ Medicinali.

Si prega di compilare l’apposito prospetto,scaricabile con download a fondo comunicazione, indicando il numero degli scontrini e il totale complessivo. Accertarsi che gli scontrini  riportino  l’indicazione del Vostro codice fiscale e che si riferiscono a farmaci per i quali e’ consentita la detrazione

Ø      Attestazione di polizze assicurative detraibili (morte, invalidita’)

Ø      Contributi obbligatori/volontari pagati

Ø      Contributi pagati per badanti e colf

Ø      Certificazione di interessi passivi corrisposti a fronte di Mutui sull’abitazione principale

Ø      Spese funerarie sostenute

Ø      Ricevute per somme  erogate ad Associazioni  Onlus

Ø      Spese sostenute direttamente per  ristrutturazioni edilizie che consentono la detrazione del 36%/50%  e documentazione relativa (fatture, bonifici ecc.)

Ø      Spese sostenute per riqualificazione energetica che consentono la detrazione del 55%/65%.( per esempio sostituzione di caldaie. Esibire tutta la documentazione relativa)

Ø      Spese condominiali sostenute che consentono la detrazione del 36% 50% e 55% 65% Esibire i prospetti forniti dall’amministratore di condominio

Ø      Eventuali altri oneri previsti dalla normativa fiscale

Ø      Copia del modello di dichiarazione dell’anno precedente per soggetti nuovi

 

 

PREGASI COMUNICARE MAIL A CUI INVIARE COMUNICAZIONI E NUMERO CELLULARE PER EVENTUALI  SMS

 

MAIL : ………………………………….@........................................... Cell: ………………..

 


download spese mediche

         

  Vi ringraziamo della collaborazione e ci auguriamo che il servizio che Vi viene fornito sia di Vostra soddisfazione.

Il prossimo anno chi aprirà una nuova partita Iva potrà scegliere il regime forfettario con soglie di ricavi più alte e aliquota ridotta al 5% per le start-up che iniziano l’attività nel 2016. Le modifiche sono contenute nel Ddl di stabilità per il 2016 che il Parlamento approverà nelle prossime settimane.

§***§

La Legge di stabilità conferma i bonus edilizi anche per il 2016

La Legge di stabilità 2016 proroga ancora i bonus edilizi. Nel disegno di legge è prorogata di un anno, fino al 31 dicembre 2016, la detrazione Irpef del 65% per gli interventi di efficientamento energetico e del 50% per le ristrutturazioni e l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

                                                 §***§

Riscossione: le nuove regole per rate di avvisi bonari e atti di accertamento

Il Dl che revisiona la riscossione, approvato dal Cdm lo scorso 22 settembre, e in attesa di pubblicazione in GU, porta importanti novità riguardo le rate di avvisi bonari e atti di accertamento. Per i primi il numero minimo di rate trimestrali passa da 6 a 8, resta invariato il numero massimo di rate trimestrali (20) per gli importi superiori ai 20mila euro. Per i secondi resta  invariato il numero minimo di rate trimestrali (8), aumenta, invece, da 12 a 16 il numero massimo di rate trimestrali. Viene confermata la decadenza dal beneficio della rateizzazione se il contribuente non paga la prima rata o non paga una delle altre rate entro il termine della scadenza successiva, con due attenuanti, però: non si decade dalla dilazione se il pagamento della prima rata avviene con ritardo ma entro i 7 giorni successivi la scadenza;  non si decade dalla dilazione se il contribuente omette di pagare una rata diversa dalla prima e l’omissione è di importo non superiore al 3% e comunque non superiore a 10mila euro. Diminuisce dal 60 al 45% dell’importo non versato, la sanzione prevista in caso di decadenza dalla dilazione. Le novità per gli avvisi bonari decorrono per le dichiarazioni 2013/2014;  per gli atti di accertamento dalla data di entrata in vigore del Dl di attuazione.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Lettere di intento: obbligatoria la verifica

Il fornitore che omette di verificare che la lettera d'intento inviatagli dal cliente esportatore abituale sia stata prima trasmessa all'Agenzia delle entrate sarà punibile con la sanzione amministrativa da 250 a 2.000 euro, invece di quella attuale dal 100 al 200% dell'Iva non addebitata. La novità è contenuta nel decreto di revisione del sistema sanzionatorio tributario, che sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Voluntary disclosure: ancora emendabile il quadro RW

La proroga al 30 novembre della voluntary disclosure va coordinata con la scadenza del termine per l'invio di Unico 2015. I contribuenti interessati possono ancora rettificare la propria dichiarazione dei redditi sino al 29 dicembre 2015 e in particolare compilare RW con una sanzione minima. I casi sono tre: aver indicato in Unico 2015 i maggiori imponibili e gli investimenti esteri nelle sezioni reddituali e nel quadro RW in modo corretto, non averli indicati, o avere la necessità di correggerli. L'articolo 2, comma 7 del Dpr 322/98 considera valide le dichiarazioni presentate entro 90 gg dalla scadenza del termine, ferma restando l'applicazione delle sanzioni amministrative reddituali di cui all'articolo 1, comma 1 del Dl n. 471/97. Ai sensi dell'articolo 5, comma 2 del Dl n. 167/90, è possibile sanare l'omessa compilazione del quadro RW pagando una sanzione fissa di 258 euro.

&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&

Ravvedimento operoso: categorie

 

Per coloro che non hanno effettuato per tempo i versamenti delle imposte sono previsti vari tipi di ravvedimento: sprint; breve; medio; lungo. Il ravvedimento sprint permette di sanare la propria situazione versando l'imposta dovuta entro 14 giorni dalla scadenza con una sanzione dello 0,2% giornaliero del valore dell'imposta più interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale; il ravvedimento breve si applica dal 15° al 30° giorno di ritardo con una sanzione fissa del 3% dell'importo da versare più gli interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale; il ravvedimento medio si applica dopo il 30° giorno di ritardo fino al 90° giorno, e prevede una sanzione fissa del 3,33% dell'importo da versare più gli interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale; il ravvedimento lungo si applica dopo il 90° giorno di ritardo, entro i termini di presentazione della dichiarazione relativa all'anno in cui è stata commessa la violazione e prevede una sanzione fissa del 3,75% dell'importo da versare più gli interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale.

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Dal 18 ottobre non sarà più obbligatorio esporre sul parabrezza il contrassegno assicurativo. I controlli saranno infatti affidati agli strumenti elettronici in dotazione agli organi di controllo e alle telecamere. Lo ha chiarito l'Associazione nazionale delle imprese assicuratrici con una guida pratica pubblicata sul proprio portale.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Fatturazione elettronica:  il definitivo passaggio

 

E' definitivo passaggio dalla fattura cartacea a quella digitale per tutti i fornitori della PA. Come previsto dal Dl n. 90/2014, i fornitori delle PA dovranno emettere le fatture in modo elettronico. L'obbligo, già in vigore dal 6 giugno 2014 per le amministrazioni centrali, a partire dal mese di aprile 2015 è esteso a tutte le Pubbliche Amministrazioni. Lo Studio effettua il servizio previo firma lettera di affidamento

 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Decreto semplificazioni fiscali: opzioni tutte in Unico

Come ha stabilito il decreto sulle semplificazioni fiscali (Dl n. 175/14), a decorrere dal corrente periodo d'imposta le seguenti opzioni non dovranno più essere effettuate con apposita comunicazione, ma direttamente nella dichiarazione dei redditi/IRAP presentata nel periodo d'imposta a partire dal quale l'opzione è esercitata: opzione per il regime della trasparenza fiscale; opzione per il regime del consolidato fiscale nazionale; opzione per il regime della tonnage tax; opzione per la determinazione della base imponibile IRAP con le regole previste per le società di capitali.

   ***************************************************************

******************************************************************

Legge di Stabilità 2015: confermate le agevolazioni per ristrutturazioni

 

Tra le principali disposizioni positive per i contribuenti contenute nella Stabilità per il 2015 (legge n. 190/2014), si segnala la proroga al 31 dicembre 2015 della misura potenziata per il "bonus ristrutturazioni" (50%) e per il "bonus energetico" (65%), e la conferma, per un altro anno, del "bonus arredi" (commi 47 e 48).

*******************************************************************

  IVA sugli omaggi: si eleva la detraibilità

 

Il decreto sulle semplificazioni fiscali "ritocca" l'IVA sugli omaggi elevando da euro 25,82 a euro 50,00 la soglia per la detraibilità degli omaggi di beni non rientranti nell’attività d’impresa.

""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""

Comunicazione operazioni black list: i contribuenti possono continuare a effettuare la trasmissione dei dati in base alle vecchie cadenze

 

L’adempimento unico e annuale può ancora essere osservato per tutto il 2014 ancora con periodicità mensile o trimestrale. L’invio della comunicazione telematica all’Agenzia delle Entrate delle “operazioni black list” è stato semplificato dal Dl n. 175/2014 che ha introdotto, dal 13 dicembre 2014, la trasmissione dei dati con cadenza annuale, anziché mensile o trimestrale. L'adempimento è richiesto solo per le operazioni di importo complessivo annuale superiore a 10.000 euro (il limite precedente era di 500 euro).

*******************************************************************

Pubblicato ieri, sul sito dell'Agenzia delle Entrate, il provvedimento n°2014/159941 recante disposizioni in merito alle modalità operative per l'inclusione e l'esclusione dei soggetti passivi Iva dalla banca dati VIES. L'art. 22 del Dl n. 175/2014 ha introdotto la possibilità di richiedere l'iscrizione alla banca dati in sede di dichiarazione di inizio attività, compilando il campo "operazioni intracomunitarie" dei modelli AA7/AA9. Nel caso in cui il soggetto passivo sia già titolare di partita Iva ed intenda iscriversi alla banca dati in questione deve effettuarne comunicazione direttamente o tramite intermediari abilitati attraverso l'apposito servizio "Comunicazione dell'opzione di inclusione nell'archivio VIES" disponibile su Fisconline o Entratel.

************************************************************************************


Gentile Cliente

 

 

 

Dal 1. ottobre 2014 sono cambiate le modalita’ di pagamento degli F24. Vi riassumiamo sinteticamente le novita:

 

A)      TITOLARI DI PARTITA IVA

 

- ) Gli F24 che presentano un saldo a zero per effetto di compensazione possono essere pagati esclusivamente mediante i canali diretti verso l’Agenzia delle Entrate denominati Fiscoonline e Entratel. NONpuo’ essere piu’ utilizzato il canale attraverso gli strumenti bancari cosiddetto Homebanking.

 

In questi casi l’azienda ha due possibilita’:

1)       richiedere all’Agenzia delle Entrate le credenziali username/password per poter utilizzare LA piattaforma Fiscoonline

2)       Avvalersi per la trasmissione di questi F24 di professionisti abilitati che operano attraverso la piattaforma Entratel

 

-) Gli F24 che presentano un saldo positivo anche  per effetto di compensazione possono continuare ad  essere pagati attraverso i canali telematici istituiti dalle banche

 

B)     NON  TITOLARI DI PARTITA IVA

 

- ) Gli F24  di importo superiori a 1.000,00 euro devono  essere pagati esclusivamente attraverso i canali diretti verso l’Agenzia delle Entrate denominati Fiscoonline e Entratel o attraverso gli strumenti bancari cosiddetto Homebanking e NON PIU’  agli sportelli bancari in forma cartacea

 

      - ) Gli F24 che presentano un saldo a zero per effetto di compensazione possono essere pagati esclusivamente mediante i canali diretti verso l’Agenzia delle Entrate denominati Fiscoonline e Entratel. NONpuo’ essere piu’ utilizzato il canale attraverso gli strumenti bancari cosiddetto Homebanking.

 

      In questi casi la persona fisica  ha due possibilita’:

1)       richiedere all’Agenzia delle Entrate le credenziali username/password per poter utilizzare Fiscoline

2)       Avvalersi per la trasmissione di questi F24 di professionisti abilitati che operano attraverso Entratel

 

- ) Gli F24 che presentano un saldo positivo anche  per effetto di compensazione possono  essere pagati attraverso i canali telematici istituiti dalle banche

 

 

                        ====================================================== 

 

   

      D.LGS.81/2008 TESTO UNICO SICUREZZA SUL LAVORO

Vi informiamo che sono intervenute variazioni alla normativa in oggetto . Come già segnalatovi a suo tempo , in ns.studio non si occupa di tale materia. Vi suggeriamo pertanto di prendere contatto con chi a suo tempo ha curato gli adempimenti in materia di sicurezza per i dovuti aggiornamenti

 

Privacy?????                                        
 
Vi ricordiamo che è in vigore il d.lgs. 196/2003 o legge sulla Privacy .Chi è interessato ? Tutti coloro che a vario titolo detengono archivi informatici.Siete a conoscenza degli adempimenti da rispettare ? Avete messo in atto ciò che la Legge prescrive? E' opportuno verificare la propria situazione, nel rispetto della legge e per mantenere aggiornati e protetti i propri dati e strumenti di lavoro.
 

 

     

STUDIO AEMME SRL
Via C.Finocchiaro Aprile 31/5b
16129 GENOVA
010/581720 fax 010/8935752

P.Iva/C.fisc.:02627790104                                                  REA GE 285493 Cap.soc. € 10.400,00

E-MAIL :studioaemmesrl@studioaemmesrl.it

WWW.STUDIOAEMMESRL.IT

d.lgs. 196/2003 vedi "Privacy e cookies"

 
 
Area Riservata
Utente
Password
dimenticato la password?
 
Visualizza tutte le scadenze
 
< febbraio 2017 >
L M M G V S D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
     
       
privacy | disclamer | powered by [id] internet discover - the web site experience